tickCHI SIAMO tickDOVE SIAMO tickCONTATTI  
 
 
 
W3C
Le pagine di questo sito sono scritte in ottemperanza allo standard HTML 1.1 e CSS della W3C.
 
Accessibilità
Particolare attenzione è stata posta per il progetto della grafica delle pagine in modo che queste siano fruibili alla maggior parte di internauti possibili.

Quindi: buona navigazione a tutti.

Una breve introduzione

Il Piano dell'Offerta Formativa (P.O.F.), così recita l’art. 3 del regolamento dell'autonomia delle Istituzioni scolastiche, è la dichiarazione sintetica delle scelte culturali e progettuali del nostro Istituto. E' il risultato dell’ analisi del contesto sociale svolta dal collegio dei docenti della scuola dell'Infanzia e Primaria, che ha considerato sia la cultura pregressa dell'istituto , relativa all'organizzazione e al sistema di competenze, sia le macro tendenze socio - culturali della società odierna, sia i bisogni e le risorse locali nelle sue componenti storico-sociali. Su tali basi esso delinea l'insieme dei bisogni formativi dei nostri bambini e bambine e definisce i servizi generali che l'istituto eroga, precisandone le scelte educative, curricolari, didattiche e organizzative che intende esprimere e realizzare nell' anno scolastico 2008/2009. E'corredato da una serie di documenti più articolati e specifici che la scuola elabora ed aggiorna e che sono disponibili presso l'ufficio di segreteria di questa scuola:

  • Regolamento d'Istituto;
  • Piani di studio personalizzati;
  • Strumenti per la valutazione degli alunni;
  • Strumenti per il monitoraggio e la valutazione del servizio e dell'attività formativa.
Finalità della scuola dell'Infanzia
La scuola dell'infanzia "concorre all'educazione armonica e integrale dei bambini e delle bambine che, attraverso le famiglie, scelgono di frequentarla dai due anni e mezzo fino all'ingresso nella scuola primaria, nel rispetto e nella valorizzazione dei ritmi evolutivi, delle capacità, delle differenze e dell'identità di ciascuno". Attraverso le apposite mediazioni didattiche, riconosce come connotati essenziali del proprio servizio educativo:
  • La relazione personale significativa tra pari e con gli adulti come condizione per pensare, fare ed agire;
  • La valorizzazione del gioco in tutte le sue forme ed espressioni;
  • Il rilievo al fare produttivo ed alle esperienze dirette di contatto con la natura, le cose, i materiali, l'ambiente sociale e la cultura per orientare e guidare la naturale curiosità in percorsi via via più ordinati ed organizzati di esplorazione e ricerca;
  • Il potenziamento di quell'aspetto dell' intelligenza che è in grado di favorire reazioni emotive equilibrate e funzionali.
Finalità della scuola primaria
La scuola primaria Paritaria persegue le finalità della Costituzione Italiana, che recita: della Legge 28 marzo 2003, n. 53. del dlg n58 del 28 febbraio 2004 che introduce iniziative finalizzate all'innovazione e alla generalizzazione dell'insegnamento della lingua inglese e dell'alfabetizzazione informatica nei cinque anni della scuola primaria. Dell’ art. 1 L. 148 - "La Scuola Elementare ,nell'ambito dell'istruzione obbligatoria, concorre alla formazione del cittadino secondo i principi sanciti dalla Costituzione e nel rispetto e nella valorizzazione delle diversità individuali , sociali e culturali. Essa si propone lo sviluppo della personalità del fanciullo , promuovendone la prima alfabetizzazione culturale". Le finalità di cui sopra si realizzeranno, ovviamente, in collaborazione con la famiglia,art.8 del 275/ 99„ quale luogo primario dell'educazione del fanciullo e con il piu vasto contesto territoriale. Tenuto conto di quando sopra e dell'ambiente in cui operano la scuola dell'infanzia e primaria di questa istituzione, il Consiglio di Istituto fa propri, su proposta degli altri organi collegiali, le seguenti indicazioni generali:
  • Favorire modalità di lavoro che incrementino la motivazione nei confronti delle attività scolastiche, attraverso il programma di educazione razionale-Emotiva all'interno della programmazione annuale, curriculare ed extracurriculare; 
  • Prevenire il disagio emotivo nell'orario curriculare;
  • Tener conto delle proposte che la realtà territoriale locale offre;
  • Favorire la conoscenza della cultura locale utilizzando anche le risorse territoriali umane e non (in particolare i genitori , i nonni e le Associazioni culturali locali, la parrocchia);
  • Favorire l’integrazione a tutti i livelli;
  • Far utilizzare le conoscenze e le abilità apprese;
  • Riflettere su se stesso e gestire il proprio processo di crescita, chiedendo aiuto, quando occorre.

Download dell'intero P.O.F.